• Riccione. Trovato morto dalla moglie in un lago di sangue: malore poi si taglia fra i vetri

    E’ morto per un malore: è caduto in casa e si è tagliato la gola con i vetri della porta. Per Maurizio Stefanini, 67 anni, residente a Riccione, non c’è stato nulla da fare, quando l’ambulanza è arrivata, i medici non hanno potuto fare altro che constatarne la morte. Tutto è accaduto in un appartamento di viale Cagliari quando la suocera che vive lì ha sentito all’improvviso un rumore assordante di vetri che si infrangono. Nessuna risposta così ha telefonato subito alla figlia che era al lavoro, raccontandole quello che era accaduto.  Quando è tornata a casa si è trovata davanti una scena terrificante: il compagno era di traverso sulla porta a vetri e intorno a lui c’era un lago di sangue. Sul posto il 118 ma non c’era più niente da fare. La coppia è molto conosciuta a Riccione, dove la compagna ha un negozio di abbigliamento in viale Ceccarini.