• Pamela Mastropietro, il nigeriano Awelima Lucky faceva la bella vita nell’hotel a 4 stelle con i nostri soldi

    Awelima Lucky, il richiedente asilo che ha fatto a pezzi il corpo di Pamela Mastropietro, se ne stava in un albergo a quattro stelle, il Recina Hotel di Montecassiano, alle porte di Macerata, da oltre un anno. Era ospite spesato e mantenuto dallo Stato italiano, anche se aveva già avuto il primo diniego da parte della Commissione territoriale. Il 27enne richiedente asilo era già stato denunciato per immigrazione clandestina perché sbarcato al porto di Augusta nell’ ottobre 2016 ed era già pronto a presentare ricorso. Come fanno in tanti.

    Materiali di pregio, tre eleganti suite, poltrone Frau, connessione internet, alcune stanze con idromassaggio, cure mediche assicurate, mangiare e dormire gratis, oltre alla paghetta giornaliera.

    I profughi ospiti di questa struttura ricettiva sono almeno una trentina, e occupano gli ultimi due piani (l’ albergo conta 56 camere). I profughi hanno stanze con ogni confort e un ingresso riservato solo a loro. Ma per Awelima non bastava tutta questa ospitalità per integrarsi in una cultura diversa, in una democrazia che prevede il rispetto del prossimo, della donna. Lui, secondo la procura di Macerata, quella sera del 30 gennaio scorso era lì, in quell’ appartamento dell’ orrore, a spezzare con coltelli e mannaia il corpo della 18enne fuggita il giorno prima da una vicina comunità per tossicodipendenti. E non è escluso che prima sia stata stuprata.

    PROFESSIONE SPACCIATORI
    Le cellule dei telefonini agganciate dicono che lui era nella mansarda di via Spalato 124, dove è avvenuto l’ omicidio e il sezionamento del cadavere, insieme ai connazionali Desmond Lucky, 22 anni, anche lui richiedente asilo, accusato di aver ceduto una dose di eroina a Pamela; e Innocent Oseghale, 29 anni, anche lui profugo nigeriano, che prima di una condanna per spaccio ha raccontato di essere in fuga dalla guerra.
    Oseghale non viveva in un albergo, ma era ospite mantenuto attraverso la cooperativa Gus di

    Macerata, il Gruppo di Umana Solidarietà. Come Awelima, in dubbia fuga dalla guerra, era stato inserito in un programma di protezione umanitaria per i richiedenti asilo.

    Era stato beccato a spacciare, ci si sarebbe aspettato che venisse rimpatriato. Invece era a piede libero, pronto a cercare droga approfittando delle fragilità della ragazza. Era un protetto, pronto a comprare litri di candeggina per lavare il sangue della carneficina; era ospite dello Stato italiano che, conti alla mano, prima del suo arresto aveva sborsato per lui almeno 50mila euro. Era un protetto. Come Awelima. Ma non ne aveva le caratteristiche perché gli erano stati negati prima lo status di rifugiato, poi il permesso di soggiorno.

    Lui è stato il primo a finire in cella con l’ accusa di omicidio, vilipendio e occultamento di cadavere. Da venerdì tutti e tre si trovano in carcere a Montacuto di Ancona, per la morte e la mattanza inflitta al corpo della ragazza di origine romana, nascosto dentro a due valigie gettate poco distante in strada, nella campagna di Pollenza. Awelima Lucky è stato catturato alla stazione di Milano, mentre era in compagnia della moglie. Per gli inquirenti, stava fuggendo in Svizzera e oltre a due grosse valigie, aveva con se tanti soldi, quanto bastava per assicurarsi un lungo soggiorno estero. Mentre si attendono gli esiti degli esami tossicologici, e delle impronte rilevate di recente dai carabinieri del Ris nell’ appartamento dove è stata uccisa Pamela, i tre nigeriani negano ogni addebito. Negano di essere stati in quel’ appartamento, tanto meno di aver ucciso e smembrato Pamela. Libero