• Matteo Salvini, guerra a immigrati e Islam: “Un pericolo”. La clamorosa prima mossa se andrà al governo

    L’idea di Matteo Salvini è a suo modo epocale. Epocale come il rischio che corre l’Italia, quello di essere invasa dai migranti ed essere fagocitata dall’Islamradicale. E il baluardo, spiega il leader della Lega, potrebbe essere la creazione di un “ministero del mare” per gestire la difesa dei confini più esposti, quelli bagnati dalle acque del Mediterraneo.

    D’altronde, nel programma dell’eventuale governo Salvini il tema al primo posto è la lotta alla immigrazione: “Per il primo anno il numero è zero. Dobbiamo smaltire un arretrato di clandestini di mezzo milione. La prima opzione è blindare i confini, dalle Alpi alla Sicilia. Basta, non si passa, stop. L’Islam di oggi è un pericolo”.

    Nel programma altro punto fermo “non trattabile” con gli alleati è la serie di “no” all’Unione europea: “Siamo gli unici fessi che non diamo da mangiare ai nostri figli, perché lo chiede l’Europa. L’Unione ha già 52 dazi che proteggono merci europee. Io dico che, come Trump difende lavatrici e pannelli solari, abbiamo il dovere di tutelare alcune nostre produzioni, penso al tessile, alle scarpe, ai giocattoli e quello che mangiamo e beviamo”. Libero