Cattolica. Abusi in ospedale: operatore già indagato per violenza sessuale e maltrattamenti in casa di riposo

Indagato da un anno per violenza sessuale è rimasto dipendente dell’Ausl Romagna a contatto con le donne. E’ ciò che ha fatto maggiormente indignare la gente sui social media. Parliamo dell’operatore socio sanitario di 66 anni che si trova agli arresti domiciliari dopo la denuncia di una giovane paziente di origine straniera che l’ha accusato di averla palpeggiata nelle parti intime subito dopo una operazione presso l’ospedale di Cattolica. Un anno fa il nome del barelliere era entrato nell’inchiesta, tuttora aperta, su presunti casi di maltrattamenti all’interno di una casa protetta per anziani. Proprio l’uomo, oltre ai maltrattamenti ai degenti, risulta essere ancora indagato per violenza sessuale.