CATTOLICA. 400mila euro dal Pnrr per l’efficientamento energetico del Teatro della Regina

Valutazione positiva dal Ministero della Cultura. Lavori da marzo 2023 per un progetto dal valore totale di 758mila euro. Da rinnovare gli impianti di riscaldamento e raffrescamento e si otterrà un risparmio sulle bollette elettriche. La Sindaca Franca Foronchi: “Rendiamo più funzionale e sostenibile un fiore all’occhiello della nostra comunità”. L’Assessore alla Cultura Federico Vaccarini: “Un teatro accogliente e polo culturale di riferimento”
CATTOLICA, 28 Giugno 2022 – È arrivata nei giorni scorsi l’ufficialità della notizia negli uffici di Palazzo Mancini. Per il l’efficientamento energetico del Teatro della Regina di Cattolica arriva un finanziamento da 400mila euro a fondo perduto. Si tratta di fondi del Pnrr per il quali il Comune aveva presentato un progetto valutato positivamente dal Ministero della Cultura insieme ad altri 347 progetti in tutta Italia. Una linea di intervento per la promozione dell’eco-efficienza e la riduzione dei consumi energetici nelle sale teatrali pubbliche e private.
Il progetto cattolichino, redatto in collaborazione con la società Sgr, prevede lavori di ammodernamento energetico per un totale di circa 758 mila. Oltre ai 400mila euro provenienti dai fondi europei, l’Amministrazione ha già previsto ulteriori 120mila euro da recuperare tramite il cosiddetto “Conto energia”, il programma europeo di incentivazione in conto esercizio della produzione di elettricità da fonte solare mediante impianti fotovoltaici permanentemente connessi alla rete elettrica. La restante parte verrà recuperata da risorse proprie comunali.
“Abbiamo appreso della notizia di questo finanziamento – commenta la Sindaca Franca Foronchi – con grande soddisfazione. I nostri uffici hanno presentato un progetto valido la cui bontà è stata confermata dal Ministero. Questo efficientamento ci consentirà di avere un risparmio non indifferente sui costi energetici e di gestione del teatro. Miglioriamo, quindi, un fiore all’occhiello della nostra comunità rendendolo più sostenibile e funzionale”.
“Una notizia decisamente positiva – aggiunge l’Assessore alla Cultura Federico Vaccarini – di cui beneficeranno in primis i fruitori del teatro. Abbatteremo, infatti, i costi potendo immaginare di avere risorse libere da reinvestire nelle attività culturali. Non possiamo che essere contenti per questo risultato frutto di lavoro coordinato degli uffici che ha portato il progetto del Teatro in ottima posizione nella graduatoria nazionale. Offriremo, quindi, un teatro ancora più accogliente che punta ad essere polo culturale di riferimento del territorio della Valconca e non solo”.
Gli interventi dovrebbero svolgersi a partire da marzo del 2023 e concludersi nell’arco di cinque mesi. Nel dettaglio gli interventi consistono nell’isolamento a cappotto delle pareti perimetrali, l’ammodernamento della centrale termica e della centrale frigorifera, l’installazione di impianto solare fotovoltaico in copertura. Ciò permetterà una riduzione del fabbisogno termico dell’edificio, una riduzione dei consumi di gas ed energia elettrica per il riscaldamento e per il raffrescamento ed al tempo stesso la produzione di energia dal fotovoltaico. Dal punto di vista della sostenibilità energetica ed ambientale il progetto proposto avrebbe un effetto importante in termini di riduzione dei consumi e di impatto ambientale (riduzione di circa 37,7% delle emissioni di CO2 in atmosfera). In termini di gestione economica il progetto consentirebbe un minor costo per l’approvvigionamento energetico di oltre 20mila euro l’anno.