Valconca. Distrugge l’auto di papà e ne simula il furto: finisce nei guai

28enne ha avuto un incidente e distrutto la Cinquecento di proprietà dei genitori. Ha così avuto la brillante idea – si fa naturalmente per dire – di simularne il furto per evitare una pesante ramanzina e contestualmente ha richiesto la copertura del premio alla assicurazione. Poi con la complicità di un meccanico ha smontato l’auto pezzo per pezzo in modo da coprire le tracce e vendere le parti utilizzabili. Le indagini però sono andate avanti e la targa del veicolo è stata rinvenuta nell’autofficina. Ora la coppia è accusata di fraudolento danneggiamento di beni assicurati in concorso.