Morciano. LA VALCONCA PER LA PRIMA VOLTA SI UNISCE IN UN UNICO PRODOTTO TURISTICO PER COMPETERE NEI MERCATI

LA VALCONCA PER LA PRIMA VOLTA SI UNISCE IN UN UNICO PRODOTTO TURISTICO PER COMPETERE NEI MERCATI

MORCIANO DI ROMAGNA, SAN CLEMENTE, SALUDECIO E GEMMANO ENTRANO IN RETE CON LE “CASE DI VALLE”

AL VIA  OGGI LA PROMOZIONE E LA COMMERCIALIZZAZIONE CON IL PRIMO DEGLI EDUCTOUR

La Valconca scende da
protagonista nell’arena dei mercati turistici. Per la prima volta il territorio
si presenta come un unico prodotto turistico e con un progetto unitario di
promozione, con l’obiettivo di intercettare nuovi segmenti di mercato.
Nell’ambito del progetto “Case di Valle” che coinvolge i comuni di Morciano di
Romagna, San Clemente, Saludecio e Gemmano, che vedrà il suo
sviluppo nei prossimi mesi, da oggi 15 marzo a domenica 17 si svolgerà un
eductour con 3 giorni di visite guidate e il coinvolgimento di 8 tour operator italiani specializzati. Si parte alla scoperta della Valconca, da Morciano a Montefiore,
passando per San Clemente e Monte Colombo, fino a Mondaino, Saludecio e
Montegridolfo.

La rete di “Case di Valle”
prevede la realizzazione e l’allestimento di spazi di promozione delle
produzioni e delle eccellenze locali, esaltando le peculiarità di ogni singolo centro, cogliendone
i tratti identitari principali. Le 4 “Case di Valle” una volta allestite
saranno importanti tappe dei tour di promo-commercializzazione turistica in
Valconca. Al primo tour, con la parte organizzativa affidata
all’agenzia viaggi “Mare Collina tour travel” del consorzio Costa Hotels, ne
seguirà un secondo in aprile con altri 8 tour operator alla riscoperta delle
bellezze naturali e dei percorsi religiosi della vallata.

La Valconca si mette così alla
prova nel raccontarsi insieme e nel costruire la propria possibilità di
presentarsi come prodotto turistico. Il progetto istituzionale è dell’Unione
della Valconca, che ha beneficiato di fondi regionali, e che lo sta realizzando
con Camera di Commercio della Romagna e Visit Romagna. “Finalmente ci
promuoviamo in maniera unitaria, finora non ci eravamo mai coordinati –
commenta il presidente dell’Unione di comuni della Valconca, Lorenzo
Grilli -. Un singolo comune non ha la capacità di riscuotere interesse nel
mercato turistico, mentre insieme abbiamo sicuramente una maggiore
forza. Merito dell’architetto di Alessandro Sistri (esperto
di marketing territoriale) e Maurizio Gabellini (Cna), che hanno ideato e
promosso il progetto. L’obiettivo è di estenderlo anche ad altri comuni, come
Montegridolfo di cui sono sindaco, che dovrebbe riuscire a partecipare per
realizzare una Casa di Valle a fianco al Museo della Linea Gotica. La finalità
è farci conoscere per attirare potenziali turisti nelle nostre zone, con tutti
i vantaggi che possono arrivare sia per il settore ricettivo che per i
produttori enogastronomici”.

“Grazie a questo progetto avremo
la possibilità di andare a promuovere il nostro territorio nella sua interezza,
dalla cultura all’enogastronomia, dalla storia alle attività sportive. Il
Comune di Morciano è pronto a fare la sua parte, vista anche la sua posizione
di grande centralità e di punto di riferimento per servizi e commercio dell’intero
bacino della Valconca”, spiega Enrica Magnani, assessore alle Attività
economiche e marketing territoriale.

“E’ un’importante vetrina per la
nostra offerta culturale e di turismo religioso, alle quali affianchiamo le
eccellenze enogastronomiche”, commenta Dilvo Polidori, sindaco di
Saludecio.

“E’ un progetto che ha
l’ambizione di rappresentare il territorio della Valconca, noi ci siamo con il
nostro biglietto da visita dell’enogastronomia”, aggiunge Mirna Cecchini,
sindaco di San Clemente.

“Tengo molto al progetto, l’unico
che mette in rete il territorio per farlo diventare un prodotto turistico, e
questo è il futuro. Gemmano c’è con l’offerta della sua riserva naturalistica e
le grotte di Onferno”, conclude Riziero Santi, sindaco di
Gemmano.