Morciano. “Che Natale triste! Il Paese è tutto un cantiere…”

Riceviamo e pubblichiamo:

Prima qualche premessa. Non ho votato per Ciotti e riconosco che i cittadini qualsiasi cosa si faccia non sono mai contenti. Arrivo subito al punto. Riconosco che finalmente si stanno facendo parecchi lavori, che qualcosa si muove e sono contento. Poi si potrebbe discutere sul fatto che ad esempio hanno asfaltato le strade e i marciapiedi sono messi in maniera vergognosa. Personalmente credo che o si fa tutto o non si possono lasciare i lavori a metà. E se anche si dovevano fare a metà avrei prima fatto i marciapiedi, dove è impossibile camminare e poi avrei asfaltato le strade. Ma tant’è. Ma non è questo il motivo per cui scrivo. Dicevo bene, benissimo i lavori. Ma siamo la capitale commerciale della Valconca. Siamo a dicembre inoltrato e il Paese è tutto un cantiere. Non si respira assolutamente una atmosfera natalizia. I commercianti non sono e non possono essere contenti visto che giustamente la gente preferisce andarse in Riviera a passeggiare. Io capisco il maltempo, capisco tutto quanto ma è una situazione impossibile da digerire. Persino il campo di pattinaggio sul ghiacchio è in ritardo. Dov’è l’opposizione? Perché nessuno dice nulla? E’ compito loro vigilare. Sarà un natale poco natalizio, comunque onore a Ciotti che non si può dire non si stia impegnando con le risorse sono quelle che sono.

Un lettore