Gabrielli ‘scarica’ Salvini: ‘Le maglie della polizia? La gente non è idiota’

Ovvero le magliette indossate dal leghista quando era a capo del Viminale.

Ricorderete: le maglie della polizia, quelle dei vigili, le polemiche infinite. Oggi Gabirelli è trachant con chi gli chiede di tornare su quel tema. “Lui – dice riferendosi a Salvini – veramente lo utilizzava come una modalità per farsi sentire come parte. Ho sempre detto, ma signori miei un ministro dell’Interno che è l’unica autorità di pubblica sicurezza, vertice politico della Polizia di Stato ha bisogno di una t-shirt per riaffermare questa sua funzione? Perché così facendo si rischia di immaginare che i cittadini siano una banda di idioti, che hanno bisogno di una t-shirt, di un vessillo per riaffermare una cosa di questo genere“. Certo, il capo della polizia non si è “sentito offeso”. E anzi, all’Ansa precisa: “È il pensiero esplicitato anche durante il ministero Salvini e quindi non può essere interpretato come una postuma resipiscenza o come sassolini da togliersi dalle scarpe ora che non è più ministro“. Ma il cambio di passo sembra evidente.

Solo lo scorso 11 maggio, in pieno governo gialloverde, in una intervista al Corriere diceva altro. Già a quel tempo diceva che il ministro non ha bisogno di indossarla “per dimostrare a tutti di essere l’autorità politica nazionale di pubblica sicurezza”, visto che “lo è per legge” e “non per come si vese”. Ma poi aggiunse che si trattava di una “polemica pretestuosa”. E aggiunse che quel gesto preferiva “leggerlo come un segno di attenzione nei nostri confronti”. “E se c’è un problema di opportunità che lui non ha ritenuto di porsi – aggiunse – non sono io a doverglielo porre. Del resto mi pare che da qualche tempo non se ne parla più, e lui non indossa le nostre giacche. Ma non posso accettare che pure questa questione venga utilizzata per sostenere che la polizia è asservita al ministro leghista, perché è falso“.

Già a febbraio di quest’anno, peraltro, Gabrielli era tornato sul tema affermando di aver “parlato spesso con il ministro” di questo fatto e di aver capito che “lo fa come gesto di attenzione”. Un modo per “sentirsi parte dell’istituzione”. Oggi, col nuovo governo, le posizioni del capo degli agenti sembrano un po’ cambiate…

Il Giornale.it