CATTOLICA. ELEONORA SARTI UN ARCO OLTRE LE BARRIERE

Un tiro con l’arco contro ogni barriera. Questa in estrema sintesi la vittoria più importante per Eleonora Sarti. L’atleta 31enne di San Giovanni in Marignano ha conquistato due secondi posti in una tappa di Coppa del Mondo a Bucarest gareggiando con i normodotati.

Infatti lo stare su una carrozzina non gli ha impedito di praticare l’attività agonistica: basket, pallavolo, nuoto, vela ma con il tiro con l’arco è stato amore immediato. “Una disciplina costosa, senza possibilità di guadagnare, che ha tuttavia un fascino strepitoso”.

Una vita normale tra lavoro, sport, tempo libero. Eleonora è impiegata in un ufficio, si allena per 4-5 ore al giorno, guida l’auto, esce con gli amici. Risiede a Bologna dai tempi dell’università. “Non posso camminare perchè ho una malformazione congenita ai piedi e ad una gamba”. La vita comunque continua con tante soddisfazioni.

Salvatore Occhiuto